top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreFinance Manager & Ceo

Decreto Cura Italia: liquidità alle imprese e garanzia 100% dello Stato

Grazia al Decreto Cura Italia, approvato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri in data 06/04/2020, le imprese potranno tornare a respirare, riuscendo ad ottenere liquidità - anche importanti - per far fronte allo stallo economico che il nostro sistema sta subendo.


Difatti, sono stati stanziati 400 miliardi di Euro a sostegno delle imprese, siano esse start-up, siano esse PMI, e siano esse realtà di dimensioni notevoli.


Ma vediamo nel dettaglio in cosa consiste la nuova misura adottata dal governo:


Saranno concessi finanziamenti alle imprese, con garanzie da parte del Medio Credito Centrale che andranno dal 90 al 100°%, ed in alcuni casi specifici, l'azienda non sarà sottoposta al merito creditizio, dunque l'accettazione e l'erogazione sarà semplice e veloce!


Inoltre, le imprese, avranno facoltà di chiedere fino al 25% del volume di affari presente nella dichiarazione dei redditi dell'anno precedente, a titolo di indennizzo.


Coperture rispetto alle dimensioni aziendali


Le imprese con meno di 5.000 dipendenti, ed un fatturato inferiore ad 1,5 miliardi di Euro, potranno richiedere un finanziamento godendo di una copertura da parte dell'MCC fino al 100%

Invece, per le imprese, le quali dimensioni aziendali sono più notevoli, le garanzie da parte di MCC si fermeranno al 70% del finanziamento richiesto.


Viene poi stanziato un'ulteriore potenziamento del Fondo di Garanzia, che garantisce alle piccole imprese ed ai professionisti, di avere accesso fino a 25.000 Euro senza procedura di valutazione da parte dell'Istituto di Credito e garantito al 100%.


Documentazione richiesta per istruire la pratica


Ultime due dichiarazioni dei redditi (o bilanci);

Visure Crif

Visure Cerved

Visura Banca Italia

Visura Camerale

Rating aziendale


Il nostro Studio potrà occuparsi di estrarre tutte le visure, ed il rating in tempi brevi.


Come avverrà la valutazione


Il sistema di valutazione è quello ordinario, ma il calcolo del rating non sarà uguale, difatti sarà molto più snello e più flessibile. Non si terranno conto degli indici di indebitamento, dunque nemmeno di altri finanziamenti in corso. Tutto questo per favorire una più ampia platea di aziende, sburocratizzando le procedure. L'intento, adesso, e di far ripartire l'economia. Il denaro è stato stanziato, adesso bisogna usufruirne.


Contatta i nostri consulenti, e scopri come fare per avere accesso a tutte le nuove misure adottate dal Governo.

735 visualizzazioni0 commenti

Comments


Post: Blog2_Post
bottom of page